MULTICAR

A Noto, Avola e Portopalo penultima giornata di “Equilibri: tutti siamo diversi”

DSC_0173

Tre tappe: a Noto, Avola e Portopalo. E’ stata intensa la penultima giornata del progetto socio-culturale “Equilibri: tutti siamo diversi” che ieri ha preso il via di mattina alla scuola “Aurispa” di Noto dove gli alunni, oltre agli organizzatori Giovanni Parentignoti dell’associazione Azahar e a Mara Di Stefano di Ar@m Communication, hanno incontrato altri protagonisti del progetto. Tra questi Massimiliano Verga, autore dei libri “Zigulì” e “Un gettone di libertà”, Ludovico Caldarera, attore accompagnato dal suo gruppo, Marcello Matera, Monica Andolina e Stefano Furìa. Presente all’Aurispa anche Salvatore Manganaro, atleta e guida delle para-olimpiadi che ha intrattenuto i piccoli alunni con un filmato di giocatori di calcio non vedenti. Nel pomeriggio “Equilibri” si è spostato ad Avola, alla sala Frateantonio, dove si sono susseguiti tanti momenti culturali e artistici. L’incontro è stato aperto da Mara Di Stefano che ha spiegato la nascita del progetto. Quindi ha preso la parola il sindaco Luca Cannata il quale ha sottolineato l’importanza di queste iniziative per smuovere le coscienze di molti. Disponibile ad avviare una fattiva collaborazione per garantire continuità al progetto si è dichiarato il vice sindaco e assessore alla Cultura, Giuseppe Morale. Quindi è stato presentato il progetto Sprar, ideato e curato da Pippo Cascio in collaborazione con il musicista e percussionista Paolo Greco. Dopodiché è stata la volta di Debora Civello con il suo “spettacolo dell’oppresso”, dello scrittore Massimiliano Verga che ha risposto alle domande sul suo libro “Un getto di libertà” e di Giovanni Parentignoti, che ha letto qualche passo dei libri di Verga. Alla collettiva di scrittori hanno partecipato anche Sebastiano Burgaretta, Ilary Tiralongo, Cristina Amato, e Veronica Sciacca che ha scritto 3 libri senza l’uso delle mani. Il pomeriggio si è concluso con l’intervento “ironico-serio” di Caldarera, Matera, Andolina, Furìa che, con ironia, hanno sottolineato la precarietà in cui tutti i giorni sono costretti a vivere i disabili per la “cecità” delle amministrazioni. L’intervento ad Avola si è chiuso con la lettura del libro “Zigulì” di Verga da parte di Parentignoti. La lunga giornata di “Equilibri” si è conclusa a Portopalo con lo spettacolo musicale e di cabaret dei “Falsi d’Autore”. La serata, presentata dalla pittrice e componente dello staff del progetto Valentina Sammito, è stata aperto da un sunto del progetto “Il ritorno infelice” di Pippo Cascio e Paolo Greco e si è conclusa con la proiezione di un video realizzato da Maurizio Battista e Rita Abela al centro diurno Eubios dove ragazzi con disabilità si sono messi in gioco in interviste, laboratori teatrali e improvvisazioni musicali. Un momento emozionante per i present, tra cui gli assessori Rossella Micieli e Andrea Gozzo, oltre al sindaco Giuseppe Mirarchi.

Comments are closed.

Siracusa City Play store android
Siracusa City App store