MULTICAR

Augusta. Sgomento per la morte di un finanziere: si era sparato in caserma

gdf03

Non ce l’ha fatta il finanziere cinquantenne in servizio ad Augusta, trasportato ieri al Cannizzaro di Catania il elisoccorso. Pochi minuti prima dell’allarme, si era sparato un colpo alla tempia con la sua pistola di ordinanza. Il maresciallo aiutante G.A.era in caserma in quel momento, in via Xifonia. Non sono ancora chiare le cause del suo gesto, forse una improvvisa depressione. Avrebbe lasciato una lettera sulla scrivania.
Trasportato in emergenza al Cannizzaro, è stato subito sottoposto ad un delicato quanto disperato intervento chirurgico che, però, non è riuscito a superare. Tutti i tentativi di rianimarlo sono risultati vani.
Immediato il cordoglio del comando provinciale, con il comandante Spampinato precipitatosi ad Augusta. Il maresciallo era originario di Acireale.

Comments are closed.

ACAT3