MULTICAR

Canicattini. “Si” del consiglio ai debiti fuori bilancio e al piano dei servizi della municipale

consiglio canicattini

Approvati i debiti fuori bilancio del Comune. Così si è espresso il consiglio comunale di Canicattini nella seduta di ieri sera. La seduta si è aperta con l’ufficializzazione del passaggio di Loretta Barbagallo nel gruppo di maggioranza che sostiene il sindaco, Paolo Amenta, lasciando il Gruppo Misto nel quale era confluita dopo le amministrative del 2012. La consigliera si è dimessa dalle commissioni in cui era stata inserita in quota minoranza. Il “via libera” ai debiti fuori bilanci è stato preceduto da diversi interventi. Quasi tutti sono rateizzati, con il consenso delle parti. Si tratta di sentenze esecutive e prestazioni legali di procedimenti civili che, dopo lunghi anni, solo di recente si sono conclusi. Alla votazione, in segno di protesta, alcuni consiglieri non hanno partecipato, rientrando in aula solo dopo, per dibattere del Piano di miglioramento dell’efficienza dei servizi di polizia municipale per il triennio 2014-201. Previsti contributi economici della Regione. A illustrare il piano, il comandante dei vigili urbani, Giuseppe Casella. Ampio dibattito su questo tema. Chiesta un’azione più incisiva per fare rispettare le regole, anche in termini di decoro urbano. “Si” soprattutto alla funzione educativa dei vigili urbani, ancora prima di quella repressiva. Il piano è stato approvato all’unanimità. E’ immediatamente esecutivo. Spazio anche per alcune puntualizzazioni sulla sistemazione della palestra della scuola media. Il Comune è ricorso al Tar ed ha segnalato alla Procura la vicenda in quanto, ha spiegato il sindaco, “nessuna negligenza è stata rilevata da parte degli uffici dell’ente, che hanno inviato a Palermo tutti gli atti, compresi quelli che i funzionari regionali dicono essere mancanti. Sarebbe gravissimo se i documenti in questione risultassero smarriti o addirittura sottratti. Sarebbe una crepa nel sistema- ha concluso- di garanzie che i Comuni devono avere”. Chiarimento di carattere politico da parte del presidente del consiglio comunale, Antonino Zocco, amareggiato per le indiscrezioni secondo cui avrebbe chiesto un prolungamento dl suo mandato oltre il termine del prossimo maggio fissato dalla maggioranza a inizio legislatura. “Ho sempre inteso la politica come servizio- ha detto Zocco- restando sempre fedele agli impegni assunti collegialmente in maggioranza nell’interesse della città e dei cittadini che mi hanno votato. Ma se per il bene della città e dei cittadini, questa stessa maggioranza dovesse ritenere che io debba fare un passo indietro, ora, senza aspettare il maggio prossimo, sono pronto a farne dieci indietro e non solo uno”.

Comments are closed.

ACAT3