MULTICAR

Da Venezia a Siracusa: ecco il viaggio di Lucia. Prima in barca, poi in aereo e quindi su strada

santa lucia ii

La giornata speciale di Lucia, quella di domenica, quella che la riporterà a “casa”, inizierà di buon mattino. Alle 7.00, le spoglie della Santa saranno portate dalla basilica dei Santi Geremia e Lucia (Venezia) all’aeroporto Tessera. Un primo trasbordo tra misure di sicurezza eccezionali. La techa con le spoglie mortali della patrona siracusana – debitamente protetta – arriverà allo scalo veneto a bordo di una imbarcazione della Polizia di Stato. In aeroporto riceverà gli onori di una pattuglia della Polizia in alta uniforme, prima di essere imbarcata su di un aereo, sempre della Polizia di Stato, che la condurrà a Catania, ultima sosta prima dell’arrivo a Siracusa dove giungerà a bordo di un mezzo dell’arcidiocesi, scortato dalla polizia.
Ogni tappa sarà seguita direttamente dal Prefetto delle Reliquie del Patriarcato, che è anche cappellano della Polizia di Stato, Don Giuseppe Costantini. Sarà lui a viaggiare con i resti della Santa sempre a contatto visivo, fino al rientro a Venezia previsto il 22 dicembre, utilizzando gli stessi mezzi della Polizia.

Comments are closed.

ACAT3