CUTRUFO
ARTE OTTICA
MULTICAR

Noto. Il temporale distrugge l’opera in sale colorato di via Rocco Pirri

received_m_mid_1438815955565_22a77cba1d1b649081_0

L’arte può essere immortale, può avere durata determinata o può essere soggetta ai capricci della natura. Non importa quanto un artista ci abbia lavorato e sudato se si decide che essa sia effimera l’opera sparirà. E purtroppo la V edizione di “Arte in Sali…ta” non è sfuggita a questa dura legge, è arrivato il più classico dei temporali estivi, pioggia torrenziale, se pur breve, lampi e tuoni e, in pochi minuti in via Rocco Pirri, è sparita l’opera in sale colorato ideata e realizzata dalle Associazioni di maestri infioratori netini CulturArte, Opificio 4 e Petali d’Arte. Un disegno con un significato assai profondo in piena osmosi con la Città di Noto e la sua forte devozione al Santo Patrono, San Corrado “L’Eremita dei tre pizzoni”. Nell’anno del V Centenario della sua beatificazione i netini non potevano non pensare di dedicare a lui la propria opera. Non ci sono stati dubbi o tentennamenti ma si doveva scegliere cosa rappresentare in un disegno di 4 metri e mezzo in larghezza per 25 metri in lunghezza. “Alla fine, su idea di Valentina Mammana – spiega il l’autore del progetto del bozzetto, Corrado Roccaro, vicepresidente dell’associazione CulturArte – si era scelto di rappresentare l’ingresso di San Corrado in Cattedrale, al termine della lunga processione, nel momento massimo di sforzo e fatica per i portatori delle spoglie mortali del nostro amato Patrono, custodite nell’argentea Arca, e per i portatori dei Cilii”.

Comments are closed.

MCDONALD footer4