CUTRUFO
ARTE OTTICA
MULTICAR

Sanità siracusana e gli 11 milioni in arrivo: il parere dei sindacati, tra luci e ombre

sit in cgil ospedale

Gli undici milioni di euro destinati alla sanità siracusana al centro di un incontro tra i vertici della Cgil e la dirigenza dell’Azienda Sanitaria Provinciale. “Abbiamo chiesto all’Asp se questa somma si aggiunge allo stanziamento di 169 milioni destinati alla provincia di Siracusa e se siano sufficienti per intervenire sulle rianimazioni di Lentini e Avola-Noto, sulla Residenza sanitaria assistita di Pachino, sull’oncologia di Augusta e per la stabilizzazione degli oltre 100 precari della sanità siracusana”, spiega il segretario provinciale della Cgil di Siracusa, Paolo Zappulla, accompagnato dal segretario della Funzione pubblica Franco Nardi e dalla responsabile della sanit,à Marcella Coppa.
“In astratto – spiegano i sindacalisti della Cgil – consideriamo positivo il risultato ottenuto. Tuttavia ci sono alcune questioni che devono essere approfondite. Occorre comprendere infatti se queste risorse sono disponibili o si riferiscono al tetto di spesa per l’Asp provinciale. Così fosse saremmo di fronte a poco più di una discussione da bar. Per questo abbiamo criticato i toni trionfalistici espressi dalla conferenza dei sindaci. Le priorità sono l’apertura dei reparti di rianimazione a Lentini e Avola-Noto, il polo oncologico di Augusta, la RSA di Pachino e il potenziamento dei pronto soccorsi dei presidi ospedalieri attualmente notevolmente carenti rispetto agli standard previsti dalle direttive sanitarie regionali e nazionali. Se non si faranno tutte queste azioni la sanità in provincia di Siracusa non sarà mai in grado di dare risposte sufficienti ai bisogni minimi di assistenza sanitaria”.
Per la Cisl, invece, questo “non un punto di arrivo bensì il giro di boa verso obiettivi concreti per la sanità siracusana”. Questo il giudizio al termine del tavolo operativo convocato dall’ASP Siracusa e relativo alla dotazione organica dell’intera struttura.
La delegazione Cisl, composta dal segretario generale della Ust Paolo Sanzaro, dal segretario generale della FP Daniele Passanisi e dal responsabile settore Sanità Mauro Bonarrigo, ha espresso il proprio compiacimento per l’arrivo degli 11 milioni aggiuntivi al tetto di spesa ottenuti dall’assessorato regionale alla Salute che permetteranno di elevare il numero totale dei dipendenti. Un risultato figlio di un percorso condiviso fra l’Amministrazione ASP, il sindacato e la politica.
“Dimostrazione – hanno commentato Sanzaro, Passinisi e Bonarrigo – che gli sforzi sinergici effettuati anche a livello regionale all’indirizzo di obiettivi comuni hanno prodotto un primo risultato che non è da considerare punto di arrivo bensì il giro di boa verso un traguardo che vede l’apertura dei servizi di rianimazione dell’ospedale di Avola e di quello di Lentini, della radioterapia di Siracusa, della Oncoematologia di Augusta passando per l’indispensabile definitiva stabilizzazione dei precari storici. Dotazione organica – continua la Cisl – che deve dare prima risposta però alle criticità di personale oggi esistenti per ricondurre l’erogazione dei servizi assistenziali al malato a livelli ottimali salvaguardando, nel contempo, la salute degli operatori sanitari oggi costretti a turni di lavoro improponibili e massacranti”.

Comments are closed.

MCDONALD footer4