• Siracusa. Immigrazione, minori non accompagnati. Schiavo: "Nessuna inadempienza. Finanzieremo anche gli affidi familiari"

    “In nessun modo è compromesso il riparto dei fondi, 475 mila euro per i minori stranieri non accompagnati, attraverso il quale si cercherà anche di spesare i possibili affidi familiari di minori stranieri non accompagnati”. Non tarda ad arrivare la replica dell’assessore comunale alle Politiche Sociali, Liddo Schiavo alle accuse lanciate all’amministrazione Garozzo ieri dalla deputata del Pd, Sofia Amoddio. Una risposta  in parte legata al tema sollevato, in parte di carattere meramente politico, con chiari riferimenti alle tensioni interne al Partito Democratico della provincia. Schiavo esclude che gli uffici del suo assessorato si siano resi responsabili delle gravi inadempienze di cui chiede spiegazioni la parlamentare, non presentando la rendicontazione prevista per ottenere i fondi stanziati dal Governo per aiutare i Comuni a gestire l’ accoglienza ai minori immigrati non accompagnati. “Sofia Amoddio non specifica se la rendicontazione a cui fa riferimento è quella relativa al 2012, quando il Comune non ha preso in carico alcun minore non accompagnato, o al 2013, per cui si registra un blando ritardo sulla tabella di marcia per via di un decreto ministeriale dello scorso febbraio”. Schiavo si addentra in dettagli tecnici. “Occorre precisare – dice l’assessore della giunta Garozzo- che la normativa vigente, prima accennata, non prevede il rimborso ministeriale a compensazione del costo totale affrontato dai comuni per la presa in carico dei minori stranieri non accompagnati trasferiti presso strutture adeguate, in regola con gli standards regionali e i relativi accreditamenti, ma solo un contributo di 20 euro giornaliero per ogni minore. In conformità di ciò dai nostri conteggi su euro 69.980 assegnati si andrebbe a impegnare solo la somma di circa 15 mila euro. Il discorso si complica notevolmente,invece – argomenta Schiavo- se ai ricoveri operati nel primo semestre 2013 o successivamente, a norma dell’ultimo decreto, presso le strutture regolarmente accreditate a norma di legge, si devono aggiungere i costi dei ricoveri di minori presso strutture di prima accoglienza emergenziali, privi di accreditamento e non supportati da nessuna normativa in materia, le quali con il Comune di Siracusa non hanno nessun accordo economico o convenzione. Potremmo fare da tramite e trasferire l’importo giornaliero previsto, ma le fatturazioni ricevute da parte di tali strutture vanno ben al di là del contributo ministeriale di 20 euro al giorno”. Schiavo si dice stupito dal metodo usato dalla parlamentare per affrontare questo tema, così come punta l’indice contro la segretaria del Pd, Carmen Castelluccio, lasciando trapelare il dubbio che la stilettata all’amministrazione comunale possa dipendere dalle tensioni sempre più forti tra la fetta del partito che si riconosce negli organismi dirigenti e i “renziani” che stanno con il sindaco.
     

  • freccia