MULTICAR
MCDONALD 03-2018

Siracusa. L’ora del riscatto per il parco Robinson di Bosco Minniti: volontari-Comune, accordo possibile

FB_IMG_1516784210853

E’ forse arrivato il momento di nuove attenzioni per il parco Robinson di Bosco Minniti. E questa volta non sono quelle di ladri, vandali o malintenzionati in genere che nell’ampia area pubblica sfogano ed hanno sfogato i loro peggiori istinti.
Perso il conto dei danni: dai bagni ai giochi per bambini, dalla copertura del tensostatico alle recinzioni dei campi e la stessa pesante ringhiera in ferro perimetrale segata a colpi di flex e portata via su furgoncini. Insomma, al parco Robinson succedono cose che voi umani…
Per tentare di porre un argine al degrado andante, un’associazione di protezione civile, la Zeus, aveva protocollato a settembre dello scorso anno una richiesta per avere in custodia la struttura. Unica richiesta al Comune, la risistemazione del recinto e dell’edificio che si trova all’interno del parco. Per tutto il resto, l’associazione avrebbe provveduto con i suoi volontari provando nel tempo anche a coinvolgere altre persone di buona volontà.
Nei giorni scorsi la richiesta è stata finalmente presa in considerazione. Il presidente della Zeus, Francesco Fazzina, è stato convocato negli uffici comunali. Insieme agli assessori Silvia Spadaro e Salvo Piccione è stata valutata la richiesta.
Il Comune, con le attività produttive, si sta mettendo in moto per quegli interventi richiesti, in particolare per il caseggiato ufficio/servizi presente all’interno. Ma bisogna ben valutare se l’associazione, con le sue sole forze, può davvero assicurare “copertura” per tutte le 24 ore di una giornata, come scritto nella richiesta. Su questo punto, con realismo, sono state mostrate alcune perplessità in particolare da parte dell’assessore Spadaro. Altro discorso, invece, sarebbe lavorare per una fascia oraria ridotta, come dalle 9 del mattino alle 20 della sera. E su questo si ragionerà a breve, quando le parti si ritroveranno per discutere nel dettaglio il progetto. Perchè chiaramente si deve anche capire cosa l’associazione vorrebbe o potrebbe poi “farne” del parco Robinson. Dettagli da chiarire per bene e mettere nero su bianco prima di procedere all’eventuale accoglimento della richiesta.
Ma dopo anni di polemiche ed alcuni tentativi a vuoto, pare essere finalmente l’ora giusta per quella grande area pubblica di Bosco Minniti che la città deve “riprendersi” a tutti i costi.

Comments are closed.