MULTICAR

Siracusa. Ex Novamusa, “clausola di salvaguardia per i lavoratori dei siti archeologici”

novamusa

Dopo il sit-in degli ex lavoratori Federico Musei, Novamusa e I luoghi dell’Arcadia davanti ai locali dell’assessorao regionale ai Beni Culturali, la vicenda sembra dare spazio a previsioni ottimistiche. I lavoratori, già impegnati nello svolgimento di servizi aggiuntivi nelle aree archeologiche e museali della Regione Siciliana di Palermo, Trapani, Agrigento, Caltanissetta, Siracusa e Messina, sono in attesa di essere ricollocati attraverso il bando che assegna tali servizi a Munus Srl, Società Cooperativa Culture e Civita Srl. La direzione generale dell’assessorato avrebbe garantito, oggi, alla Filcams Cgil Sicilia il rispetto della clausola di salvaguardia, obbligatorio per le aziende che sottoscriveranno i contratti per l’appalto dei servizi aggiuntivi per i siti archeologivi e museali della Regione. Sarà proprio l’assesorato, in base alle rassicurazioni fornite al sindacato, a vigilare perchè le norme siano perfettamente rispettate.“Siamo soddisfatti dell’esito dell’incontro odierno, nonché degli impegni assunti dall’Assessorato, – dichiarano Monja Caiolo, segretario generale FilcamsCgil Palermo, e Stefano Gugliotta, segretario generale Filcams Cgil Siracusa – a partire da quello di fornire costanti aggiornamenti rispetto al completamento dell’iter burocratico per ciascuna assegnazione. Questo, infatti, ci consentirà di potere intervenire tempestivamente affinché le lavoratrici e i lavoratori riprendano al più presto la propria attività. Iter burocratico, peraltro, che sembra essere arrivato, finalmente, quasi al suo compimento”.

Comments are closed.

Siracusa City Play store android
Siracusa City App store