MULTICAR
REALE
MCDONALD 03-2018

Voto di scambio, arrestato il deputato regionale Pippo Gennuso: per la Dda “patto” con il clan

Conferenza stampa

E’ stato arrestato e posto ai domiciliari il deputato regionale Pippo Gennuso. L’accusa è di voto di scambio con l’aggravante mafiosa. Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Catania su richiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo etneo.
Deputato regionale al quarto mandato, 65 anni, imprenditore, alle ultime elezioni aveva ottenuto nel collegio di Siracusa 6.567 preferenze. Era stato eletto con una lista di centrodestra. Nella stessa indagine, ai domiciliari è finito Massimo Rubino (48 anni) mentre è stato condotto in carcere Francesco Giamblanco (31 anni).
L’indagine, condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri dall’ottobre al dicembre 2017, ha evidenziato che in occasione delle elezioni regionali del novembre 2017, Francesco Giamblanco ritenuto esponente del clan Crapula attivo nel territorio di Avola e genero del capo clan Michele, avrebbe promesso di procurare voti in cambio dell’erogazione di denaro e di altre utilità. Gennuso, annotano gli investigatori, avrebbe accettato la promessa con Massimo Rubino che si sarebbe mosso come intermediario tra le parti ed esecutore dell’accordo.

Comments are closed.

ACAT3