1

Siracusa. Quella voglia di bus navetta: due in più con l’idea area sosta Elorina

Da tre anni almeno il Comune di Siracusa vuole implementare la sua flotta di bus. Attualmente sono quattro quelli su strada (a fronte di una dotazione iniziale di 6, ndr) ed almeno altri due tornerebbero utili per “umanizzare” i tempi di attesa e attivare nuove tratte come quella che permettere di tornare ad utilizzare per la sosta l’area di via Elorina, indicata pure nel Pum come parcheggio scambiatore.
Di recente, a luglio, il Comune si è rivolto a Consip (il “market” della pubblica amministrazione) per utilizzare i primi fondi del Collegato Ambientale (400.000 euro) per l’acquisto di mezzi elettrici. Dei quali, però, Consip non ha disponibilità: l’unico lotto di gara andato deserto è proprio quello relativo agli e-bus. Ci si muoverà, allora, seguendo la procedura tradizionale, più lunga e complessa, dell’asta pubblica europea. Ma i fondi del Collegato sono sufficienti per l’acquisto di un solo mezzo. Dove trovare il resto?
La risposta potrebbe arrivare dall’Accordo di Programma Quadro per i Comuni con problematiche ambientali. In Regione c’è stato di recente un vertice e Siracusa (rappresentata dall’assessore Coppa), insieme a Catania e Palermo, dovrebbe poter accedere ad almeno 1 dei 6 milioni di euro di plafond della misura, sempre promossa dal Ministero dell’Ambiente. La Regione vorrebbe venissero privilegiati interventi come piste ciclabili e bike sharing ma non dovrebbe essere problematico ottenere il via libera anche per altro, come l’acquisto di bus elettrici. L’utilizzo congiunto delle due fonti di finanziamento (Collegato Ambientale e Apq) non costituirebbe noia neanche in fase di rendicontazione, essendo comunque sempre il Ministero dell’Ambiente a promuovere gli interventi a favore di una mobilità sostenibile.