• Controlli notturni contro sacchetto selvaggio, i multati si giustificano: “non lo sapevamo…”

    “Non lo sapevo”. E’ la giustificazione più frequente che finisce nei verbali di sanzione per abbandono di spazzatura in strada. “Non sapevo che c’era la differenziata”, “non sapevo che dovevo ritirare il mastello”, “non sapevo dove buttarla” e l’elenco potrebbe continuare. Anche nella notte scorsa, gli agenti del nucleo Ambientale della Polizia Municipale si sono sentiti fornire le solite spiegazioni: “non lo sapevo”.
    In 5 sono stati multati per aver lasciato il loro sacchetto di spazzatura sui marciapiedi della Borgata, a Siracusa. Per ognuno di loro, sanzione da 100 euro. Sono tutti e 5 siracusani, nessuno straniero. Hanno spiegato di non essere in possesso dei mastelli. L’Ambientale verificherà adesso se si tratta di persone iscritte al registro Tari e che quindi pagano la spazzatura, ma non hanno ritirato i mastelli; oppure se si tratta di utenti “sconosciuti”. Anche pagando regolarmente la tassa, è bene ricordare che il mancato ritiro dei mastelli o dei carrellati comporta una sanzione, come da ordinanza comunale.
    A tal proposito, i controlli proseguiranno per almeno tutta la settimana ed in più zone della città. Sempre nottetempo. Gli agenti della Municipale, in borghese e con auto civetta, presidieranno zone “calde” dell’abbandono dei rifiuti.
    Sui taccuini degli agenti sono finite anche situazioni “curiose” che verranno approfondite in queste ore. Come il caso di quei condomini dove vengono esposti appena due mastelli a fronte di un numero decisamente più elevato di famiglie residenti. Anche in questo caso, si dovrà capire se si tratta di elusione o “solo” di mancato ritiro dei kit previsti per differenziare nelle utenze domestiche.

    foto archivio

    freccia