• Il vaccino? E’ Priolo la “capitale” della provincia: in fila da ogni dove per la prima dose

    In pochi giorni, il centro vaccinale allestito al Cerica di Priolo è diventato uno dei più frequentati e popolari della provincia. Nelle ultime aperture, poi, sono sensibilmente aumentate le persone che hanno raggiunto i locali della Protezione Civile per ricevere la prima somministrazione, con Pfizer o Johnson&Johnson o Astrazeneca.
    Da Siracusa, da Augusta, da Melilli, quasi da ogni angolo della provincia sono stati davvero numerosi quelli che hanno scelto di raggiungere Priolo. Interi nuclei familiari, coppie, singoli e delle età più disparate. Anche questa mattina, già alle 7.30, fila di auto ai cancelli aperti a partire dalle 9.
    La struttura priolese ha messo la freccia. E avrebbe voluto iniziare già oggi anche con le vaccinazioni ai maturandi, estese ai ragazzi di 17 o 16 anni ma solo se iscritti all’ultimo anno di scuola superiore. Un anticipo rispetto all’avvio della campagna regionale (mercoledì 26), saltato per “un disguido tecnico”. Il resto è spiegato in un post comparso sulla pagina Facebook istituzionale dell’amministrazione comunale di Priolo. “La vaccinazione con Pfizer dei 16enni e 17enni, solo se maturandi, slitterà a mercoledì 26 maggio al Centro vaccinale di Priolo. Per gli studenti maggiorenni si farà ricorso al siero Janssen o Astrazeneca”.
    Pare che l’alta “operatività” di Priolo abbia scatenato qualche “gelosia” e persino dei “sospetti”, specie in giorni in cui si soffre per l’assenza di nuove forniture previste per mercoledì. Il sindaco di Priolo, Pippo Gianni, guarda avanti. “È con grande piacere che in questi giorni sto ricevendo decine di telefonate dai miei concittadini e anche da cittadini della provincia e di fuori provincia, per manifestare il loro apprezzamento per l’iniziativa portata avanti per la vaccinazione presso il Cerica di Priolo. Tutti si complimentano anche dell’organizzazione eccellente, nonostante la massiccia adesione. Queste gratificazioni le condivido con tutti coloro che si stanno adoperando senza sosta per cercare di rendere un buon servizio. Il mio grazie va al personale sanitario dell’Asp e al responsabile Ugo Mazzilli, ai volontari di Protezione Civile e al disaster manager Gianni Attard, che con il loro impegno costante rendono tutto questo possibile”.

    foto da fb Amministrazione Gianni Informa

    freccia