• La protesta dei bambini in Consiglio comunale a Melilli: “voglio diventare grande”

    Fuori programma al Consiglio comunale di Melilli. Durante la seduta convocata ieri sera, sono entrati in aula alcuni bambini proprio mentre veniva svolto l’appello dei consiglieri presenti. I piccoli indossavano delle mascherine all’altezza di naso e bocca. In mano dei fogli stampati con su scritto “Voglio diventare grande”. Il riferimento è alla preoccupazione che si è diffusa nella cittadina siracusana dopo il fuori servizio avvenuto in zona industriale domenica mattina e il seguente alert della Protezione Civile di Melilli che aveva invitato a chiudere porte e finestre in casa.
    All’ordine del giorno del Consiglio comunale non c’era ieri alcun riferimento alla vicenda. Con la protesta dei bambini si è voluto lanciare un messaggio anche alla politica cittadina. Il rischio strumentalizzazione è purtroppo concreto in un agone politico come quello melillese dove i toni si sono improvvisamente accesi dopo l’arresto del sindaco Carta, ai domiciliari. Parla chiaramente di mossa strumentale il presidente dell’assise, Rosario Cutrona. “Il Consiglio era stato convocato in via urgente per l’approvazione del piano triennale delle opere pubbliche in modo da permette al Comune di partecipare ad un bando per la costruzione di un asilo nido. Anche volendo, non avevo la possibilità di dare la parola ad alcuno, non essendo una seduta aperta. La mia posizione sul tema è chiara, ho condiviso anche la recente petizione contro i miasmi. Le interrogazioni dei consiglieri sui fatti di domenica scorsa saranno trattate nel prossimo consiglio ordinario. Ma non escludo che potrei decidere per una seduta ad hoc”, spiega Cutrona.
    Una tesi seccamente smentita da Miriam Fazzino, la cittadina che ha organizzato il momento di protesta. “Dissento dalle dichiarazioni fatte dal presidente del consiglio di Melilli, perchè io non sono stata strumentalizzata dall’opposizione. Ho avuto l’idea di questa iniziativa, mettendo i miei figli e quelli di altri genitori che come me hanno deciso liberamente di partecipare. Sul tema della salute non può esserci colore politico o casacca…”.
    Dopo 15 minuti con i loro fogli in mano, esposti all’indirizzo dei consiglieri comunali, i bambini hanno lasciato l’aula. “Nessuno ha sentito di dover spendere una parola…”, borbottava qualcuno uscendo.

    728x90_jeep
    freccia