• Le cave del Val di Noto, i sentieri e le concerie medievali in corsa per il Premio Paesaggio Italia

    Il progetto “Recupero degli antichi percorsi e valorizzazione del paesaggio delle cave del Val di Noto in Sicilia” inserito nella top ten dei finalisti italiani del Premio del Paesaggio 2014-2015 del Consiglio d’Europa.
    Ad inserire tra i dieci migliori piani quello redatto dall’Assessorato regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della pesca Mediterranea è stato il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
    A redigere il progetto è stato Antonino Attardo, agronomo dirigente dell’Ufficio Servizio per il Territorio di Siracusa che ha sviluppato l’impiego di risorse comunitarie (PSR 2007-2013) nelle aree demaniali forestali di Noto Antica della provincia di Siracusa. Lavori di salvaguardia del paesaggio e interventi di ingegneria naturalistica eseguiti con l’impiego della manodopera forestale, all’interno di un piano di “rinaturalizzaione” del territorio, di tutela della biodiversità biologica e valorizzazione della dimensione sociale, turistica e culturale delle foreste.
    Fuori dal “burocratese”, sono stati messi in campo lavori manuali di diradamento degli alberi, in modo da favorire il naturale processo di latifogliazione dei boschi e della macchi, ed è stata eliminata la vegetazione infestante e pericolosa. Sono stati anche ripristinati i muri a secco e costruite nuove staccionate a tutela dei luoghi.
    In particolare, a Cava di Carosello è stato “riscoperto” un paesaggio archeologico che comprende decine di concerie medievali, realizzate in ambienti ipogei, oltre che mulini, palmenti, cisterne antiche e varie opere idrauliche.
    Sono stati ripristinati e messi in sicurezza oltre 12 Km di viabilità storica, antiche mulattiere e sentieri. Il tutto senza l’uso di mezzi meccanici ma eseguendo solo interventi manuali, rispolverando antiche tecniche di ingegneria naturalistica.
    Già nel 2013 questi interventi paesaggiastici sono stati celebrati a Padova con il riconoscimento del primo premio nazionale “Città per il Verde”. Nel 2014 il progetto è stato selezionato per l’esposizione nella mostra allestita nell’ambito della 8° Biennale Internazionale di Architettura del Paesaggio che si è tenuta a Barcellona in Spagna dal 25 al 27 settembre.
    “Oggi centinaia di escursionisti provenienti da tutt’Europa esplorano questi luoghi dal fragile equilibrio, percorrendo i sentieri recuperati”, spiega soddisfa –
    Dott. Antonino De Marco – Dirigente Provinciale

    freccia