• L’incendio di due auto in strada, assolto dopo 8 anni e l’arresto 26enne di Portopalo

    Il giudice monocratico del Tribunale di Siracusa ha dichiarato l’assoluzione del 26enne portopalese Alessandro Mallia. Era accusato di incendio doloso. Era stato arrestato nel gennaio del 2013 perchè ritenuto l’autore dell’incendio di due autovetture parcheggiate in strada. La visione di alcune immagini di videosorveglianza da parte dei Carabinieri, aveva permesso di individuare nella zona il 26enne. Nel filmato si vedrebbe Mallia sopraggiungere nei pressi delle due autovetture, scendere dal mezzo dove si trovava per farvi poi ritorno dopo appena 21 secondi. Secondo l’accusa, in quel frangente avrebbe appiccato l’incendio.
    Adesso, dopo 8 anni, la chiusura del processo con l’emissione della sentenza di assoluzione per non avere commesso il fatto. Accolta la richiesta dell’avvocato difensore, Giuseppe Gurrieri. “Rimane l’amarezza di avere dovuto attendere così tanto tempo per vedere riconosciuto una ovvietà e cioè che in appena 21 secondi è umanamente impossibile per chiunque percorrere a piedi un tratto di strada lungo quasi sessanta metri all’andata e altrettanti al ritorno e nel medesimo frangente appiccare il fuoco a due autovetture, per poi risalire a bordo del proprio ciclomotore e recarsi in un vicino pub”, commenta Gurrieri. “Oggi finalmente è stata restituita l’onorabilità ad un giovane che per tutti questi anni ha dovuto subire il sospetto di essere l’autore di un incendio ai danni di due autovetture di proprietà di un suo concittadino”, continua il legale. “Sin da subito anche un congiunto del proprietario delle auto si era spontaneamente reso disponibile e aveva reso dichiarazioni al difensore, affermando che il Mallia si trovava con lui al bar mentre le due auto venivano incendiate e che se era stato immortalato dalle telecamere era perchè, avendo visto le fiamme, si era prodigato a chiedere soccorso, quando già il fuoco era divampato”.

    freccia