• Siracusa. Caritas, oltre mille e 500 persone aiutate dai Centri Ascolto

    Si concluderà domani il progetto “Rifondiamoci”, della Caritas Diocesana, cofinanziato con il contributo Fondo Cei 8xmille Italia 2013 e dell’Arcidiocesi. Gli interventi sono stati attuati a vantaggio delle fasce deboli, dei poveri, italiani e stranieri, le comunità parrocchiali. Nel dettaglio, sono stati formati 40 volontari destinati ai centri d’ascolto, 4 quelli attivati, in Ortigia, al Santuario della Madonna delle Lacrime (Casa della Carità), nella parrocchia di San Metodio e alla Mazzarrona, presso la chiesa di San Corrado Confalonieri. I centri di ascolto sono aperti ogni martedì , dalle 16 alle 17,30 e il giovedì dalle 9 alle 11,30. Il servizio è destinato a chi vive un momento di difficoltà ed indigenza. E’ possibile ottenere sostegno al reddito, supporto psicologico e relazionale, con la possibilità di coinvolgere parrocchie e organizzazioni preposte, attraverso una convenzione con Epaca, patronato Coldiretti. Sono stati acquistati beni strumentali: un mezzo per gli spostamenti, arredi, attrezzature per l’allestimento dei centri ascolto. Gli acquisti effettuati hanno riguardato anche prodotti alimentari e per l’igiene personale (nel dettaglio, 17 mila prodotti alimentari e quasi 3 mila prodotti per l’igiene della persona”. In cinque mesi si sono rivolte ai centri d’ascolto 405 persone, tra i 19 e i 76 anni, italiani e immigrati, con le relative famiglie, per un totale di mille e 500 persone raggiunte dal servizio. Le problematiche di tipo abitativo hanno riguardato il 34,8 per cento delle persone che hanno usufruito degli sportelli ascolto. Problemi familiari e relazionali nel 52 per cento dei casi. Problematiche di tipo reddituali nel 96,7 per cento dei casi segnalati, mentre il 91, 1 per cento dei cittadini che hanno avuto accesso al servizio manifestavano problematiche scolastiche, incluso l’analfabetismo. Problematiche occupazionali nell’86,5 per cento dei casi, ma anche persone con procedimenti penali in corso o agli arresti domiciliati (il 6,7 per cento) hanno chiesto l’aiuto delle strutture attivate. Infine, le dipendenze, con una percentuale molto bassa rispetto alle altre voci: l1,2 per cento ha chiesto aiuto per alcool, gioco o droghe. Nonostante la conclusione del progetto, i centro di ascolto territoriali proseguiranno la propria attività. Sarà possibile attraverso un progetto analogo, “Ascoltare si può”, finanziato con il Fondo Cei 8xmille Italia 2014. Riguarderà il Vicariato di Lentini.

    728x90
    freccia