• Riapre ai visitatori la Villa del Tellaro con i suoi mosaici. Samonà: “Ineguagliabile bellezza”

    Ha riaperto questa mattina i battenti la Villa del Tellaro di Noto. Dopo il lungo lockdown, un altro pezzo del parco archeologico di Siracusa torna ad accogliere i visitatori, anche se in numero massimo di 6 per volta. Con mascherina e guanti, come ricordano i pannelli all’ingresso. La villa è una importante testimonianza di residenza extraurbana della tarda età imperiale romana, con mosaici di particolare bellezza. L’ingresso, dalle 8.30 alle 18.15, è gratuito serve però la prenotazione, come da prescrizioni per il contenimento del covid. La prenotazione si effettua on-line attraverso l’App Youline, al sito https://youline.eu/laculturariparte.html.
    “Con la riapertura della Villa del Tellaro – dice l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – la cultura continua a disvelare angoli di ineguagliabile bellezza della nostra Isola. L’impegno profuso dai responsabili dei Parchi e dei Musei Siciliani affinché a breve tutto il patrimonio dei beni culturali dell’Isola venga restituito alla pubblica fruizione, è testimonianza della volontà espressa dal Governo Musumeci di promuovere l’immagine di una Sicilia consapevole dell’immenso valore del proprio patrimonio culturale”.
    Nel 2019 sono stati oltre 35.000 i visitatori che hanno ammirato la villa romana del Tellaro.

    freccia