• Siracusa. Diecimila euro per favorire la nascita di diciotto nuove imprese, l'avviso pubblico del Comune

    Ritornano i contributi a fondo perduto per nuovi progetti imprenditoriali che nascono a Siracusa. Diecimila euro per 18 idee e progetti innovativi, più una serie di agevolazioni tributarie per i primi due anni di attività. E’ il secondo avviso pubblico per le start-up, iniziativa messa in piedi dalla giunta Garozzo. C’è tempo fino al 26 febbraio per presentare il proprio business plan agli uffici del settore attività produttive di via De Caprio.
    Possono concorrere solo i residenti nel Comune di Siracusa che siano disoccupati o in cerca di prima occupazione. Novantamila euro sono destinati ai giovani imprenditori (under 35); sessantamila per gli over 35 e trentamila per progetti presentati da ex detenuti disoccupati o in cerca di occupazione.
    I progetti presentati saranno valutati da una commissione che attribuirà un punteggio seguendo criteri che tengano conto dell’innovatività del progetto, degli ambiti di intervento, dell’impatto occupazionale e dell’analisi delle opportunità di mercato.
    Il contributo di diecimila euro verrà erogato in due tranche. Per riceverlo, bisogna costituire la nuova impresa entro sessanta giorni dalla comunicazione di inserimento in posizione utile in graduatoria e poi rendicontare le varie spese.
    “Lo scorso bando- commenta il sindaco, Giancarlo Garozzo – ci ha consentito di dare valore ad idee valide, proposte da giovani, ma non soltanto. Sono già state avviate 13 delle attività inserite nella graduatoria, mentre in 4 hanno chiesto una proroga, concessa, per ragioni legate ad autorizzazioni. C’è stata, infine, una rinuncia, in virtùà della quale sarà finanziata la diciannovesima idea progettuale inserita nella graduatoria stilata, per scorrimento”. Garozzo ricorda come “10 mila euro non siano una cifra grossa, ma è comunque un bell’aiuto, in un periodo in cui- osserva il primo cittadino- le banch hanno difficoltà a concedere dei prestii. Molti puntano sul turismo, anche grazie al trend positivo di cui il territorio sta beneficiando”. Da una parte, il contributo a fondo perduto, dall’altra, il supporto degli uffici comunali nella fase preliminare all’avvio concreto delle nuove imprese, con supporto anche dal punto di vista burocratico e verso la costituzione dell’eventuale società”. I benefici sono anche legati alle imposte, alcune non dovute per i primi tre anni di attività. Intanto palazzo Vermexio lavora anche ad un’altra misura, sempre a favore dell’occupazione giovanile. La preannuncia Garozzo. “A febbraio -spiega- avvieremo una misura destinata ai giovani neo laureati in ingegneria, economia e architettura, che potranno effettuare uno stage retribuito presso il Comune ed essere, magari, introdotti nel mondo del lavoro”.

    728x90_Alfa
    freccia