• Siracusa. L'ultimo saluto per Ciccio Ficili, una sciarpata al De Simone

    La Siracusa calcistica si è fermata questo pomeriggio per salutare Francesco Ficili. La sua improvvisa scomparsa a causa di un male incurabile ha scosso e commosso i tanti amici e conoscenti. Era conosciuto “Ciccio” e benvoluto. Anche al di fuori di quel mondo ultras di cui è stato anima e motore sin dai primi anni 90.
    Chiesa di Santa Rita stracolma per i funerali, celebrati alle 15. Ci sono gli amici di sempre, tanti conoscenti e i rappresentati di tifoserie organizzate di diverse altre città. All’officio funebre ha partecipato anche l’SC Siracusa, con il capitano Gigi Calabrese che – insieme al tecnico Pippo Strano – ha consegnato una sciarpa azzurra e una maglia numero 12.  Subito dopo il feretro è stato salutato dalla Curva Anna, all’interno dello stadio Nicola De Simone, con una lunga sciarpata. Cori, striscioni e lunghi applausi per ricordare Ciccio Ficili con le lacrime agli occhi.
    Per l’occasione, la società ha consegnato a un rappresentante della Curva Anna la tessera “Ciccio Ficili”  che consentirà l’ingresso omaggio per assistere alle restanti gare di campionato del Siracusa. Così un posto in Curva Anna rimarrà sempre idealmente riservato per chi quei colori li ha portati sempre nel cuore.
    “Una giornata straziante”,  ha detto con un filo di voce il capitano Gigi Calabrese. “Ciccio era un appassionato dei colori azzurri. Per me, da siracusano, è stato un momento toccante.  Domenica in campo contro il San Gregorio giocheremo per lui. Ricambieremo quanto ha fatto negli anni per il Siracusa”.

    728x90
    freccia