• Siracusa. Una via per Scieri, si allunga l’elenco dei “si”. Tra i favorevoli anche Crosetto

    Si allunga l’elenco degli esponenti politici nazionali che condividono la proposta di intitolare una via di Siracusa ad Emanuele Scieri. L’idea lanciata dal giornalista Andrea Armaro viene sostenuta  anche da Guido Crosetto, fondatore di Fratelli d’Italia. Dal suo profilo Twitter Crosetto commenta così l’iniziativa. “Bene- dice- che la città  di Siracusa dedichi una strada importante  a Emanuele Scieri, giovane militare morto in circostanze drammatiche mentre adempiva il proprio dovere per lo Stato, per tutti noi. Si renda onore- la sollecitazione di Crosetto- a Lele ricordando per sempre il suo sacrificio”. Prima di Crosetto si erano detti a favore anche l’on. Anzaldi, la senatrice Garavini, presidente dell’associazione Commissione Difesa del Senato, il colonnello Gianfranco Paglia, Medaglia d’Oro al Valor Militare. In città, diversi esponenti politici hanno manifestato il proprio parere favorevole. Tra loro anche l’assessore Fabio Granata, pronto a proporre l’iniziativa in giunta, probabilmente oggi stesso. Un fronte trasversale quello che si è venuto a creare, di cui fanno parte anche gli ex consiglieri comunali di Italia Viva Buonomo e Ricupero. Stesso percorso si compie contestualmente anche a Pisa,  la città dove Emanuele ha tragicamente concluso la sua vita alcuni consiglieri comunali hanno chiesto al sindaco di ricordare Lele dedicandogli una strada.  Sulla scelta di viale Luigi Cadorna, invece, qualcuno ha sollevato delle perplessità. E’ il caso di Vincenzo Vinciullo di Siracusa Protagonista, secondo cui le conseguenze per i residenti sarebbero fastidiose e dispendiose, dovendo modificare il proprio indirizzo, con quello che comporta: dalla carta d’identità alle utenze. Meglio, secondo l’ex deputato regionale, scegliere luoghi altrettanto importanti della città come piazza Adda, scelta che non comporterebbe alcun disagio ai cittadini e omaggerebbe comunque il giovane siracusano. 

    freccia