• Torna l’allerta meteo arancione in provincia di Siracusa, altro che estate di San Martino

    Il Dipartimento regionale di Protezione Civile ha diramato l’allerta meteo arancione per tutta la Sicilia. Il bollettino pomeridiano evidenzia la possibilità di precipitazioni diffuse, “anche a carattere di rovescio o temporale”, in particolare sui settori meridionali e ionici, con quantitativi cumulati da moderati a puntualmente elevati.
    Già da alcune ore la Sicilia occidentale si trova sott’acqua a causa delle piogge diffuse. A soffrire in particolare le province di Palermo ed Enna. Ma nelle prossime ore il maltempo si sposterà sulla parte meridionale ed ionica della regione, con la provincia di Siracusa investita in pieno.
    Secondo le previsioni dell’Aeronautica Militare, nel capoluogo le piogge monopolizzeranno la parte centrale della mattinata e della serata di domani, mercoledì 10 novembre. Attenzione anche alle raffiche di vento, con annunciate folate con punte massime di 40km/h. L’estate di San Martino diventa, a questo punto, una illusione.
    Dopo poco più di una settimana di tregua, allora, c’è il rischio che nuove e severe precipitazioni possano tornare a complicare la quotidianità di un territorio che faticosamente sta cercando di riprendersi dal passaggio del medicane Apollo. Solo nei giorni scorsi sono state liberate dagli allagamenti ampie porzioni del siracusano: contrade, strade, sottopassaggi. Adesso si avvia la conta dei danni, dall’agricoltura alle infrastrutture pubbliche e private in attesa del riconoscimento dello stato di calamità richiesto dalla Regione per 19 comuni della provincia di Siracusa.

    freccia