• Siracusa. “I luoghi del cuore” da salvare, pochi voti dalla provincia: Augusta la più attiva

    Sta partecipando poco la provincia all’iniziativa del Fai, il fondo per l’ambiente, per votare i “Luoghi del cuore” e contribuire al loro rilancio, valorizzazione o recupero. E’ in corso l’ottavo censimento e c’è tempo fino a 30 novembre per votare il proprio “luogo del cuore”. E’ già possibile, però, conoscere la classifica parziale. Il Fai e “Intesa San Paolo” forniscono a tutti di  segnalare i luoghi che amano e che vorrebbero vedere difesi, valorizzati e recuperati. Non è solo sensibilizzazione dei cittadini ma anche e, per certi versi, soprattutto delle istituzinoi sul tema della valorizzazione del patrimonio storico, artistico e naturalistico italiano. Il censimento viaggia soprattutto attraverso internet, attraverso il sito www.iluoghidelcuore.it. L’operazione, per il 2016, è partita il 17 maggio e si concluderà a fine novembre. Non solo voti on line, però, ma anche cartacei, con i moduli ufficiali da richiedere all’ufficio “I Luoghi del cuore”. I risultati saranno noti il prossimo marzo. A quel punto i sindaci saranno informati del risultato e su alcuni luoghi, quelli piu’ segnalati, Fai e Intesa San Polo interverranno con azioni di recupero, tutela e valorizzazione, anche con l’erogazione di contributi economici. Un’occasione che anche in provincia di Siracusa potrebbe essere adeguatamente colta e sfruttata. Basterebbe davvero un numero di “click” adeguato, segno di una alta attenzione da parte dei cittadini rispetto al proprio territorio o, nel caso di non residenti, di amore per un luogo visto e a cui si tiene. I contributi economici sono di diverso importo, a seconda dei casi. Si parla di 50 mila euro per il primo calssificato, 40 mila per il secondo e 30 mila euro per il terzo, ma ci sono anche contributi da 7 mila euro per tutti i luoghi sopra i 100 mila voti e di 4 mila euro per i luoghi con piu’ di 50 mila segnalazioni. Con mille e 500 segnalazioni c’è la possibilità di ulteriori 5 mila euro, ma solo nel caso di votazioni espresse nelle filiali della banca e che siano almeno mille e 500. Fin qui quello che si potrebbe ottenere. In provincia, però, i voti attualmente dati ai vari luoghi inseriti in elenco si contano, nella maggior parte dei casi, sulle punte delle dita. I più attivi, ad oggi, sembrano essere i residenti di Augusta, che puntano sulla Fonana del Milite Ignoto, quindicesimi nella classifica parziale siciliana. Castello Svevo l’altro luogo maggiormente segnalato dalla provincia in Sicilia (ma siamo al 56esimo posto). Prima di arrivare ad un luogo di Siracusa si devono scorrere parecchie posizioni. Figura, al 584esimo posto rispetto alle proposte siciliane, il Teatro Greco. Le proposte sono numerose e riguardano tutto il territorio provinciale. Tra i luoghi più votati (ma sempre molto poco rispetto ad altre località siciliane ed italiane),la Macchina del Ghiaccio di Noto. Figurano, inoltre, Bosco Baulì,l’Acropoli e il centro storico di Palazzolo, l’area di Santoni, nella stessa zona, l’area naturalistica di Siracusa, l’Anfiteatro Romano, l’Ara di Ierone e , ancora, Marina di Noto, ma anche la Basilica di San Sebastiano di Melilli, Avola Antica, la Torre di Belvedere, il Borgo di Cassibile e, ancora, Borgo Rizzolo, a Lentini e il bosco di Villasmundo.

  • freccia