• La politica su rifiuto-selvaggio: “città dei topi” e derattizzazione urgente

    Dalla mattinata in corso una sorta di pulizia “generale” della città. Via vai di mezzi di Igm, soprattutto nella parte alta tra viale Scala Greca e la Pizzuta. Per una coincidenza temporale, tutto mentre nelle stesse ore la Polizia Ambientale sequestra alcune discariche sorte lungo le vie. Montagnole di rifiuti abbandonati accanto ai cassonetti e lì lasciate per diversi giorni. Non basta l’utilizzo di mezzi speciali, incluso il “ragno”, per far sbollire la rabbia di una città che si sente abbandonata nei giorni più difficili della gestione del tema rifiuti.
    Cittadinanza poco attenta alle regole ed alle necessità cittadine ma certo non unica responsabile dello stato delle cose. Nel tritacarne delle critiche da strada finiscono tutti, dall’amministrazione al gestore.
    E la notizia dei sequestri e dell’inchiesta della Procura non calmano l’agone politico. Forza Italia carica a testa bassa e parla di “Siracusa città dei topi”. A vergare una durissima nota è la parlamentare Stefania Prestigiacomo. “La spazzatura non viene raccolta per le strade, la gente differenzia e poi vede per giorni i rifiuti differenziati diventare cibo e ricovero dei topi e il Comune fa appello al senso civico! Ma di chi è la responsabilità dell’igiene urbana a Siracusa? Chi amministra il Comune dovrebbe avvertire lo stato della città come una vergogna, ma anche come una colpa amministrativa gravissima. Anche la differenziata – tuona la parlamentare – avviata in una fase di passaggio fra un gestore e l’altro, con tutti i noti problemi sta mostrando il pressapochismo della gestione comunale. Un passaggio come questo va accompagnato, seguito da chi ha la gestione del servizio per un periodo medio-lungo e non per qualche settimana ancora. I cittadini sono felici di poter differenziare i rifiuti e salvaguardare l’ambiente, ma vedere a pochi metri da casa propria cassonetti traboccanti di rifiuti indifferenziati determina una totale perdita di fiducia quasi impossibile da riconquistare, rischiando di compromettere future iniziative nel settore”.
    Anche il Movimento 5 Stelle è critico. Il gruppo consiliare ha protocollato una richiesta urgente di derattizzazione e disinfestazione. “Abbiamo ricevuto parecchie e diffuse segnalazioni sul malfunzionamento dell’attuale sistema di raccolta differenziata che ha portato in tutta la città un massiccio proliferare di topi, mosche e blatte”, spiegano i portavoce. Il gruppo consiliare chiede che venga effettuato un intervento appropriato con ordinanza contingibile ed urgente di derattizzazione, disinfestazione e diserbo in tutti i quartieri di Siracusa. E’ stato preso ad esempio il modus operandi della città di Augusta, che ha programmato la derattizzazione/disinfestazione nelle varie zone del territorio, realizzandola nelle ore notturne secondo un crono-programma ben definito.

    image_pdfimage_print
  • freccia