• Piazza Euripide, lavori fino al 2022 e i commercianti sbottano: “Chiederemo risarcimento”

    I lavori di riqualificazione di piazza Euripide, a Siracusa, si concluderanno nella prima parte del 2022. E per i commercianti dell’area è un termine al di là di ogni sopportabile attesa. E lanciano il loro disperato grido d’aiuto: “Registriamo un vertiginoso calo degli incassi e alcuni di noi hanno dovuto rinunciate al Superbonus per l’impossibilità di procedere con i lavori”, lamentano in una lettera firmata inviata al Comune di Siracusa.
    “Viviamo una condizione di disagio assoluto a causa dell’illegittimo protrarsi dei lavori di ristrutturazione della piazza e per questo chiediamo all’amministrazione di intraprendere ogni opportuna azione a tutela delle nostre esigenze”, è il messaggio che inviano al sindaco ed all’assessore ai lavori pubblici.
    Sulla vicenda pesa un malinteso iniziale: la data di fine lavori non è mai stata realmente comunicata (aprile 2022) ma si è genericamente parlato di un’ordinanza del settore mobilità con scadenza 31 luglio 2021. Ma quel provvedimento era solo relativo al traffico veicolare e non al cantiere. “Le maestranze impiegate sono insufficienti per il tipo di lavori appaltati”, lamentano i commercianti dell’area tutto attorno a piazza Euripide. Hanno contato, in media, non più di due operai a lavoro nelle ultime settimane. “E così ci vorrà molto tempo”, sospirano. Dal tabacchino alla farmacia di fronte si fa di conto. E i conti segnano perdite, collegate alla presenza del grande cantiere, alla impossibilità di posteggiare (anche nel vicino largo Gilippo, interessato da lavori). “Così non ce la faremo. Ci riserviamo di chiedere risarcimento per i danni che stiamo subendo”, si sfogano i commercianti di piazza Euripide. “Si poteva dare priorità al rifacimento dei marciapiedi e forse la situazione sarebbe stata diversa…”, ipotizza qualcuno. La sensazione, però, è che sia mancato il dialogo e il giusto scambio di informazioni con i commercianti dell’area o i loro rappresentanti.

    freccia