• Siracusa. Deiezioni canine: "Le sanzioni previste non scoraggiano i proprietari sporcaccioni"

    Deiezioni canine in città. In ogni angolo della città che restituisce a residenti e turisti un’immagine non certo edificante. Di degrado e sporcizia. Il problema assume insomma proporzioni sempre più grandi. Tanto che la Polizia Ambientale che, assieme a quella Municipale, si occupa del controllo e della repressione di queste azioni, si trova impossibilitata ad arginare il fenomeno. “Perché è come se volessimo svuotare il mare con un secchio d’acqua” spiega il caposervizio della Polizia Ambientale, Romualdo Trionfante, che aggiunge: “Quando gli agenti della Polizia Ambientale o municipale notano deiezioni canine sul marciapiede, per strada o in un cespuglio, informano il servizio di Igiene urbana che, a sua volta, contatta l’Igm per l’immediata pulizia. Se invece viene beccato il proprietario di un cane a lasciare le deiezioni in strada viene punito con una sanzione di 100 euro. Inoltre un’ordinanza del sindaco, la 24 del 2012 – continua – prevede che una persona che porta a passeggio il cane possa essere fermata e sanzionata, sempre con una multa di 100 euro, se sorpresa sprovvista del sacchettino per raccogliere la deiezione dell’animale”. Ma, a parte questa, sono i cittadini, i proprietari dei cani, insomma che dovrebbero avere un atteggiamento differente. “Bisogna fare appello alla civiltà dei residenti – conclude Trionfante – e inculcare l’importanza del rispetto per la città”.

    freccia