Siracusa. Rifiuti in strada, la scoperta: i sacchetti arrivano dalla provincia

Da dove arrivano le tonnellate di spazzatura che stanno invadendo le aree extraurbane di Siracusa? Le immagini raccontano di un volume spaventoso di sacchetti di spazzatura, apparentemente superiore alla capacità di produrre spazzatura dei residenti.
Ed ecco, allora, che per vederci chiaro sono scesi in campo ancora una volta gli agenti della Municipale. Il nucleo ambientale ha letteralmente “messo mano” ai sacchetti. Tra i rifiuti abbandonati è caccia a quegli elementi che possano permettere di risalire a chi abbandona i rifiuti a Carancino, Spinagallo, Capocorso, Tivoli.
La sorpresa, ma neanche tanta, è che il grosso arriva dai Comuni viciniori: Floridia e Canicattini su tutti. “Evitano” di differenziare in casa loro e abbandonano i sacchetti di spazzatura nelle aree di confine, a ridosso del capoluogo. Scattano ora le bonifiche straordinarie ma prima di ripulire, gli ispettori dell’Ambientale stanno raccogliendo quegli elementi che permetteranno di andare a bussare alla porta degli sporcaccioni. C’è chi ha buttato fatture, chi bollette, chi corrispondenza varia o bollettini con indicati chiaramente nome, cognome ed indirizzo.
Nelle contrade prima citate erano presenti contenitori su strada per l’indifferenziato. Scomparsi quelli, ma non avviata la differenziata, i rifiuti finiscono abbandonati direttamente sull’asfalto. Un’occasione ghiotta per “smaltire” senza fatica la propria spazzatura anche per alcuni residenti dei Comuni vicini.

image_pdfimage_print
  • freccia