• Gol e lezioni alle più piccole dell’Enzo Grasso, l’icona del calcio femminile aretuseo è Tiziana Blandini

    Nel calcio a 5 femminile siracusano c’è una squadra che domani, vincendo la gara di recupero, potrebbe tornare in vetta alla classifica in Serie D. Ma c’è soprattutto un’atleta che alla soglia dei 40 anni gioca ancora come una ragazzina. Abel
    Tiziana Blandini che si divide tra la squadra principale (con la quale ha realizzato già due reti) e l’attività con le più piccole della scuola calcio. “I bambini bisogna ascoltarli e aiutarli, divertendoli ad inserirsi in contesti nuovi dove le regole devono essere una prerogativa, nel sociale così come nello sport. Mi diverte stare con loro ma soprattutto sono felice di poter contribuire al loro divertimento. Il calcio è prima di ogni cosa divertimento”. La Blandini si racconta e, al contempo, si emoziona. Perchè lei è così, dalle da parlare di calcio, dalle nuove sfide e lei c’è. La scommessa di questa stagione si chiama Enzo Grasso dove Abel oltre ad essersi dedicata personalmente a ricontattare le sue amiche ed ex compagne di squadra, è anche mister in seconda. Insomma Mr. Peppe Fisicaro, spesso impegnato, per motivi lavorativi, può star tranquillo, le sue ragazze sono seguitissime dalla sua Abel. E poi, come detto, Tiziana Blandini ha già messo a segno 2 reti all’ esordio in campionato contro il Nicosia nella gara vinta per 1-9. ”Andare in goal è sempre un’emozione. Quando i grandi campioni in TV dicono che non esiste categoria per emozionarsi dietro ad un pallone è proprio così. Mi diverto e mi emoziono ogni volta come fosse la prima partita o il primo goal, seppur di campionati ne ho giocati tanti. Alle mie compagne, anche quelle più piccole dico sempre di divertirsi ed emozionarsi quanto me, e di dare sempre il massimo. Adoro le mie ragazze, siamo tutte amiche e ci conosciamo da tanti anni, e ritrovarci in questa stagione tutte insieme è stato bellissimo. Ho provato ad appendere le scarpette al chiodo ma niente. Che sia SerieD non mi importa, voglio giocare, fare goal e vincere”.

    image_pdfimage_print
  • freccia