• Ispezione dei deputati “5 stelle” al “Trigona” di Noto e al “Di Maria” di Avola, “No a tagli di personale e servizi”

    Ispezione negli ospedali “Trigona” di Noto e “Di Maria” di Avola, per verificare la qualità del servizio sanitario offerto e lo stato in cui versano le strutture. La deputata nazionale del “Movimento 5 Stelle” Maria Marzana, insieme al parlamentare dell’Ars, Stefano Zito e ad una folta delegazione di colleghi siciliani,  hanno visitato, nei giorni scorsi,  i nosocomi della zona sud  della provincia di Siracusa, così come è stato  fatto in altri ospedali dell’isola. Il punto di vista della parlamentare ‘pentastellata’ è chiaro e in netto contrasto con alcune delle ipotesi a cui in Sicilia si starebbe lavorando. “Chiudere il “Trigona”- fa presenta Maria Marzana- è fuori da ogni logica nazionale, non solo perchè raccoglie un bacino di utenza che riguarda il territorio che da Rosolini si spinge fino a Portopalo, ma anche perchè recenti investimenti hanno reso alcuni reparti, come quello di Ginecologia e Ostetricia o come il Pronto soccorso dei punti di eccellenza”. Obiettivo della “visita” nei due ospedali, “intercettare sprechi ed efficienze delle strutture pubbliche, grazie anche alle segnalazioni dei cittadini”. La deputata siracusana ritiene “paradossale che vengano progettati trasferimenti in locali da sottoporre a lavori per consentirne l’adeguamento sanitario, mentre si chiudono unità operative che di recente sono state ammodernate e ristrutturate”. Duro il commento della parlamentare “grillina” al termine delle ispezioni compiute. “Quando la politica giustifica tagli di personale e servizi, mette un’ipoteca sulla salute dei cittadini, il cui diritto ad usufruire di servizi pubblici efficienti va assolutamente garantito”.

    (Foto: alcuni momenti dell’ispezione negli ospedali “Trigona” e “Di Maria”)

    interno ospedale

    incontro personale ospedale

    728x90
    freccia