• Noto. Riapre al pubblico per l’Infiorata il palazzo nobiliare Rau della Ferla

    E’ una occasione più unica che rara per ammirare un gioiello architettonico di costruzione e progettazione tardo barocca. L’ingresso principale del palazzo, che prende il nome dalla famiglia nobiliare dei marchesi del feudo della Ferla, si trova in via Silvio Spaventa alle spalle di palazzo Ducezio.
    All’interno del palazzo Rau della Ferla sono molte le opere da ammirare dal salone delle feste agli affreschi del pittore Carasi, dalla cappella votiva di famiglia al cortile interno fino al loggia che si affaccia sulla via Ducezio.
    Per l’apertura straordinaria del palazzo Rau della Ferla il comune di Noto, in collaborazione con lo Studio Barnum Contemporary di Vincenzo Medica, ha organizzato una serie di eventi a partire dall’inaugurazione il 15 maggio con la live painting performance di Salvo Muscara l’esposizione delle sculture terapeutiche di Orazio Coco dal titolo “L’esercito della speranza”. Diverse mostre collaterali, con l’esposizione di opere di numerosi artisti, saranno organizzate all’interno del palazzo Rau della Ferla fino al 30 Giugno.
    “Ospitare a Noto, nel suggestivo spazio espositivo di Palazzo Rau – ha detto l’assessore alla cultura, Cettina Raudino – per la prima volta offerto alla fruizione pubblica grazie alla illuminata collaborazione di Giuseppe Zen, una mostra che muove dalla necessità di ridare all’arte la sua funzione sociale, il suo ruolo terapeutico, è per me oltrechè una grande emozione, anche la rappresentazione simbolica di un progetto molto più ampio di un piano di politiche culturali che orienta tout court le proprie azioni sulla valorizzazione dell’Arte e della Bellezza”.
    Corrado Parisi

    freccia