• Pallamano Aretusa, successo che vale quasi il secondo posto

    Al termine di una partita combattuta, bellissima e al cardiopalmo, la Pallamano Aretusa ha la meglio per 30 a 28 sul Giovinetto Petrosino, diretto concorrente per il secondo posto, venuto a Siracusa con il chiaro e dichiarato intento di vincere e superare in classifica proprio gli aretusei.

    Nel primo tempo è il Giovinetto a dettare i tempi della partita e a chiudere in vantaggio la prima frazione di gioco per  17 a 14 , con una difesa attenta, veloci contropiedi e i fratelli Tumbarello i grande evidenza,  grazie anche a qualche errore tecnico di troppo e a qualche sbavatura in difesa da parte dei giovani aretusei.

    Ma il piano partita, impostato e preparato dall’ Aretusa durante la settimana, prevedeva di sfruttare la maggiore freschezza e tenuta atletica dei propri giocatori che al momento opportuno , hanno cambiato ritmo in difesa, mettendo in grosse difficoltà i pur esperti giocatori lilibetani che si sono trovati anche in debito d’ ossigeno non riuscendo a liberarsi dalle asfissianti marcature dei rossi siracusani e finendo per perdere palloni e forzare tiri in attacco dando cosi la possibilità ai siracusani di farsi sotto nel punteggio.

    Certo, sul 21-16 a favore dei marsalesi, in pochi avrebbero scommesso su un ribaltamento del risultato, ma qui sta il grande merito dei siracusani: averci creduto e provato fino alla fine con gambe e testa e dove non arrivavano ne l’una ne le altre mettendo in campo il cuore e riuscendo, con un terrificante parziale di 12 a 4, prima ad impattare sul 24-24 e poi allungare sul 28-25, per poi controllare  e vincere 30 a 28.

    Con questa meritatissima vittoria l’Aretusa rimane da sola al secondo posto , staccando definitivamente il Giovinetto e dovendosi guardare soltanto dallo Scicli che però dovrà andare a fare visita proprio ai marsalesi e avendo comunque il match point nell’ultimo incontro casalingo contro i cugini dell’Avola.

    “E’ stata una partita avvincente che credo abbia appassionato il numeroso pubblico accorso a sostenersi, i ragazzi sono stati bravissimi dal primo all’ultimo, dimostrando ancora una volta che il gruppo vale e conta più della somma dei singoli, fatico ad individuare un singolo, tutti hanno fatto la loro parte, chi in difesa sacrificandosi in marcature asfissianti e senza tregua chi in attacco mettendo a frutto la mole di gioco prodotta dall’insieme, chi in porta con parate decisive nel momento della rimonta.

    Ma questa è una squadra che lavora insieme durante tutta la settimana e i meriti vanno suddivisi anche con chi oggi per scelte tecniche ha giocato poco o addirittura nulla, senza l’impegno e la presenza di tutti questi risultati non sarebbe possibili.

    Grande merito va al tecnico Gigi Rudilosso, oggi assente per motivi personali, per avermi dato la possibilità di poter variare tattica di gioco avendo a disposizione atleti che conoscono la pallamano e a cui è stato semplice chiedere di sviluppare compiti precisi e non usuali.” è la dichiarazione a caldo di Alfio Settembre che oggi, al suo esordio in serie B, ha sostituito in panchina Gigi Rudilosso.

    “Ci godiamo questo secondo posto che a questo punto possiamo dire è più che meritato ” esordisce un raggiante Placido Villari, gli fa eco il vice presidente Santoro .” sapevamo che sarebbe stata una battaglia, e battaglia è stata con i nostri bravissimi a lottare fino alla fine per il raggiungimento di un risultato che va oltre ogni più rosea aspettativa di inizio anno ma che premio il grande lavoro svolto dalla società, dai tecnici e da tutti gli atleti”

    image_pdfimage_print
  • freccia