• Pallanuoto, domani sarà Ortigia-Posillipo per il quarto posto. Piccardo: “Usiamo la testa e confidiamo nel pubblico”

    C’è tanta concentrazione nel volto e negli occhi di mister Piccardo e dei suoi giocatori, alla vigilia del big match casalingo di domani pomeriggio (ore 15) contro il Posillipo. La posta in palio è alta. Sono tre punti ma ne valgono molto di più: Posillipo e Ortigia, infatti, si giocano il quarto posto nella griglia della regular season e si affrontano in quello che potrebbe essere un anticipo dei quarti di finale della Final Six. Gli uomini di Piccardo hanno lavorato, in queste settimane, sulla tattica e sul recupero fisico, dopo le tante fatiche di coppa e la dura trasferta di Bogliasco. Domani la formazione biancoverde si presenterà determinata e al completo (ci sarà anche Napolitano, che non è stato squalificato), confidando inoltre nel pubblico delle grandi occasioni per cercare di vincere questa gara cruciale. Il Posillipo, invece, arriverà a Siracusa senza Gianpiero Di Martire, ancora ai box per la brutta frattura rimediata venti giorni fa a Savona. Il tecnico biancoverde. Stefano Piccardo, al termine dell’allenamento, è stato molto chiaro con i suoi: “Sarà una partita lunga e andrà affrontata cercando di gestire i momenti di up e down che inevitabilmente ci saranno, perché in partite simili è difficile che per quattro tempi tutto scorra per il meglio. Soprattutto dobbiamo evitare di prendere parziali che poi sono difficili da recuperare. Sono due formazioni che si equivalgono: sia in attacco che in difesa, infatti, abbiamo più o meno lo stesso numero di gol. Forse loro sono andati meglio nella fase difensiva. Perciò questa gara vale moltissimo, visto anche il pareggio nello scontro diretto”.

    A Bogliasco, l’Ortigia ha preso quattro espulsioni che hanno reso più difficili le ultime due frazioni: “Ogni  tanto diventiamo troppo tifosi e invece bisognerebbe guardare un po’ più l’aspetto tecnico. Anche nelle giocate difensive, ad esempio, a volte potremmo risparmiare delle espulsioni. In questo senso dobbiamo crescere ancora. Lavoriamo anche su questo aspetto”.

    Piccardo infine, confida in una grande cornice di pubblico: “Spero che la piscina sia piena perché non trovo un appuntamento migliore per un siracusano. Ortigia e Posillipo sono quasi nella stessa posizione di classifica e credo che sia un privilegio poter assistere a una partita simile e poter vedere dove sono arrivati questi ragazzi che, in buona parte, sono di questa città”.

    “Dobbiamo dare un segnale  – afferma l’attaccante Seby Di Luciano – soprattutto a chi probabilmente incontreremo poi anche nei play off. Dobbiamo andare in acqua con il massimo della concentrazione, con determinazione e impegno. Loro sono una buona squadra, sono attrezzati, hanno un ottimo portiere, un buon centroboa, quindi sarà una battaglia. Ma noi siamo fisicamente a posto, stiamo bene e abbiamo tutte le carte in regola per cercare di  vincere questa partita”.

    Anche Di Luciano confida nel sostegno dei tifosi: “Il pubblico è importantissimo – conclude – perché è il nostro ottavo uomo in campo. L’apporto del pubblico ci dà sicuramente tanta forza per affrontare partite importanti come questa”.

    728x90_Alfa
    freccia