• Siracusa. Go bike e bus elettrici, "Noi Albergatori" al Comune: "Vi aiutiamo a gestirli e a formare il personale"

    “Siracusa, città da visitare in bici, ma anche a piedi e sui bus elettrici”. Messe da parte, almeno per il momento, le polemiche sulla tassa di soggiorno, l’associazione “Noi Albergatori” avanza al Comune delle proposte che prevedono una collaborazione diretta tra l’amministrazione comunale e i 40 imprenditori del settore albeghiero. “Da Aprile- ricorda il presidente di “Noi albergatori”, Giuseppe Rosano- dovrebbero ripartire i servizi go-bike e bus elettrici. Per completare un’azione incisiva per l’ecomobilità, sarebbe da cogliere, però,  un’ulteriore opportunità, che è quella di valorizzare anche i percorsi “a piedi””. L’associazione ha elaborato un apposito progetto, “Siracusa a piedi”. “Un modo per trasformare un fattore negativo, come la carenza del trasporto urbano, in un valore aggiunto – sostiene Rosano –  Pronti, allora, cartelloni con percorsi turistici, depliants e una “campagna” per motivare i visitatori a conoscere la città girandola a piedi. “Gli addetti al ricevimento degli alberghi, dopo una specifica preparazione – prosegue Rosano-  incoraggeranno i turisti a “visitare Siracusa a piedi. Lungo i percorsi individuati ci saranno cartelli in tre lungue, informazioni sui tempi dio percorrenza e tutto quello che può essere utile al turista che va alla scoperta della città. Alla Giudecca ci saranno anche indicazioni in lingua araba ed ebraica”. “Noi Albergatori” propone il proprio supporto anche per la gestione del servizio go-bike. “Con rastrelliere poste in prossimità delle nostre strutture- suggerisce Rosano- potremmo facilitare l’uso delle bici, dal prelievo al pagamento, mettendo a disposizione i nostri pago bancomat o consentendo di utilizzare la carta di credito. I nostri sistemi di videosorveglianza sarebbero un deterrente contro atti vandalici o furti, gli addetti al front office degli alberghi, in diverse lingue, potrebbero  fornire indicazioni sugli itinerari, con tanto di mappa che l’associazione sta preparando per fornirla ai turisti”. Gli albergatori si farebbero carico delle spese di energia elettrica per alimentare le bici a pedalata assistita, pulendo i mezzi e provvedendo alla loro manutenzione. Sarebbero gli albergatori, insomma, a gestire il servizio. Questo il succo della proposta. Infine, un’idea per la gestione del servizio di bus elettrici: formare gli autisti dal punto di vista dell’accoglienza. “Ci penseremmo noi- assicura Rosano- a vantaggio di tutti”.

    freccia