• Ventiquattro ore da incubo per Buccheri: fiamme, evacuazioni e danni ingenti

    Quasi ventiquattro ore trascorse a lottare contro il fuoco. Buccheri si è ritrovata ancora una volta accerchiata dalle fiamme, minacciata nella sua preziosa risorsa naturale. Le fiamme hanno lambito anche abitazioni rurali e distrutto centinaia di ettari di macchia mediterranea. Le fiamme si sarebbero originate in territorio di Vizzini poi le alte temperature ed il forte vento hanno sospinto il rogo verso Buccheri.
    Impegnati per quasi un giorno intero mezzi del corpo forestale ed un’autobotte della protezione civile comunale, destinata a supporto dei mezzi antincendio.
    Il sindaco Alessandro Caiazzo, dopo aver attivato il Coc, ha disposto l’evacuazione di alcuni cittadini che avevano raggiunto il fronte dell’incendio per tentare di salvare le proprie campagne e le abitazioni rurali, finendo intrappolati. Purtroppo per alcuni immobili non c’è stato nulla da fare. Danni anche agli uliveti, alla zona della sughereta ed al bosco di costa grotte.
    “Una giornata terribile per il nostro territorio e per la Sicilia intera”, continua a ripetere Caiazzo. “È chiaro che si è trattato di un atto volontario da parte di gente senza scrupoli che ha messo seriamente in pericolo la pubblica incolumità. Ritengo sia urgente e non più derogabile un intervento del legislatore e delle istituzioni regionali. Abbiamo avuto non poche difficoltà ed in parte i cittadini hanno anche rischiato la vita per salvare le proprietà private. Un pensiero di vicinanza a tutti i proprietari che hanno avuto ingenti danni e per i quali è necessario un congruo ristoro”.
    Al sindaco fa eco il presidente del Consiglio Comunale, Gianni Garfi. “Condanniamo fermamente quanto avvenuto – dichiara il Presidente Garfi- ed invitiamo chi di competenza a prendere provvedimenti urgenti e perentori, con indagini concludenti finalizzate ad assicurare alla giustizia i responsabili di tali atti incendiari”.

    freccia