• Calcio a 5, il Maritime compie una prima impresa nei play off scudetto

    Il Maritime Augusta batte l’Acqua e Sapone al PalaRoma per 2-5 in Gara 1 e si proietta al match di ritorno di sabato prossimo al PalaJonio con un sogno in mano e tanti, ma tanti sorrisi visto che di fronte la squadra di Batata aveva la compagine che ha chiuso in testa la regular season. Prima frazione da antologia del Futsal, dall’una e dall’altra parte. Si era detto “senza rimpianti”, e così è stato: fischio d’inizio e coach Everton parte subito con il 5 vs 4, con Zanchetta in posizione di portiere di movimento. Mossa a sorpresa? Scelta che verrà riproposta, in seguito, con più interpreti: segno, comunque, che il Maritime Augusta vuole vivere questi Playoff fino in fondo. Nei primi minuti, però, pressing della squadra di casa: break Lima che lancia Ercolessi che, di fronte a Dal Cin, calcia a lato. Segue un’altra combinazione interessante, questa volta con protagonista Murilo, chiuso dal portiere biancoblu. Ci prova dalla distanza Oliveira, respinta corta di Dal Cin e tap-in vincente di Avellino per il vantaggio dell’Acqua e Sapone (1-0, 04’33”). Risposta Maritime affidata al calcio piazzato di Caio Japa che, deviato, impensierisce Mammarella. Poi la magia: Caio Japa si incarica dell’impostazione, palla fantascientifica per Crema in posizione di portiere di movimento che, di fronte a Mammarella, stoppa la sfera, finta il tiro e poi conclude in rete con un pallonetto dolcissimo (1-1, 09’06”). Sale in cattedra Dal Cin: Calderolli la gira al volo? Lui la respinge. Arriva come un treno Coco? Gli chiude lo specchio, con un miracolo: non si passa. Squillo dell’Acqua e Sapone: Ercolessi con il mancino, la palla si stampa sulla traversa. Ultimo pericolo della prima frazione per il Maritime Augusta: Everton schiera il portiere di movimento, recupero lampo dell’Acqua e Sapone che conclude a rete, ma Caio Japa si immola sulla linea e salva il risultato. Poi quattro occasioni in serie per i biancoblu: Pedrinho, Zanchetta e per due volte Crema non riescono a segnare il gol del vantaggio, con il primo tempo che volge al termine tra gli applausi del PalaRoma. Nel secondo tempo il Maritime costruisce e sa quando colpire: palla in profondità, servizio di Bissoni per Pedrinho che, questa volta come portiere di movimento, arriva sul secondo palo e batte Mammarella (1-2, 02’43”). E’ una squadra che sa soffrire, quella di Everton: prima Dal Cin si esibisce in un nuovo miracolo, poi il palo dice di “no” all’Acqua e Sapone. Cuzzolino si libera e serve Jonas che da due passi colpisce un altro legno. Ma il Maritime Augusta ha un cuore infinito: Pedrinho riesce con un guizzo a servire Zanchetta che parte in ripartenza, salta secco l’uomo e batte con la punta Mammarella (1-3, 12’23”). Non è finita, perché inizia il “Caio Japa show”: per due volte sfrutta la porta scoperta dall’Acqua e Sapone e allunga con una doppietta (1-4, 13’54”; 1-5, 14’02”). Combinazione in avanti per l’Acqua e Sapone con Jonas che accorcia le distanze (2-5, 18’09”), con la partita che volge al termine. Il Maritime Augusta espugna il PalaRoma: sabato, al palaJonio, la gara di ritorno per questi Quarti dei Playoff di Serie A.

    728x90_jeep
    freccia