• Elicottero in volo radente e sirene spiegate all’alba: i carabinieri sgominano banda dedita al traffico di droga

    Nella giornata della legalità, nuovo forte segnale lanciato dai carabinieri all’indirizzo di chi porta avanti loschi interessi sul territorio provinciale. All’alba sono state eseguite oltre una decina di ordinanza cautelare in carcere, emesse dalla Dda di Catania, nei confronti dei responsabili di un’associazione dedita al traffico e spaccio di stupefacenti tra Priolo Gargallo e Siracusa.
    Elicottero in volo radente sulla città e pattuglie in strada a sirene spiegate. Un risveglio a cui i siracusani paiono essersi abituati a suon di operazioni portate a termine dagli uomini del colonnello Luigi Grasso che da febbraio ad oggi hanno portato a termine una lunga serie di “colpi” ad alta visibilità.
    Le indagini hanno fatto emergere l’esistenza di un’associazione a delinquere operante da tempo in provincia e soprattutto nella zona di Priolo. Il sodalizio operava tra Melilli e Priolo e nel capoluogo. In alcune zone di Siracusa si spacciava tutto il giorno hashish, marijuana e cocaina, con ruoli che venivano distribuiti tra i vari componenti. A dare le direttive sarebbe stato Angelo Boscarino,30 anni, ritenuto il promotore dell’associazione, composta poi da Marco Tempra, 26 anni, Salvatore Rasizzi, 24 anni, Antonino Rasizzi, 48anni, Vincenzo Annino, 24 anni, Felice Massimo Coniglio, 34 anni, Antonino Bozzone Montagno, 28 anni,Manuel Pisano, 28 anni, Angelo Messina, 61 anni. A Priolo avrebbero operato invece i cugini Fabio e Christian De Simone, che fuori provincia avrebbero anche ottenuto le forniture di cocaina, che poi avrebbero spacciato sul territorio. Emersa anche la disponibilità di armi. In questo contesto si inserirebbe anche il ferimento di Ignazio D’Alfonso, nell’ottobre del 2016 a Priolo. Fu attinto da colpi di arma da fuoco, secondo gli inquirenti per non avere onorato un debito di droga assunto con i De Simone. Anche un omicidio legato a questo contesto, quello di Alessio Boscarino. Nel corso delle attività di indagine sono stati sequestrati oltre 4 chili di droga.


    freccia