• Siracusa. Lavoratori Igm sotto palazzo Vermexio, poi l'incontro col sindaco. Schiarita ma lo sciopero resta

    Si sono dati appuntamento alle 10 davanti al portone d’ingresso del palazzo di città. Non nascondono la loro rabbia, chiedono un incontro con il sindaco. E poco prima delle 12 vengono accontentati. Una delegazione di lavoratori Igm sale al secondo piano di Palazzo Vermexio, nell’ufficio del primo cittadino Giancarlo Garozzo.
    All’uscita, i volti sono più distesi. “Siamo finalmente riusciti a mettere su un tavolo tecnico con l’amministrazione, parlando direttamente con il sindaco. Ha assunto l’impegno di convocarci non appena rientra l’assessore all’Ambiente per arrivare alla stesura di un documento che tuteli i lavoratori non appena si presenterà il nuovo gestore del servizio di raccolta dei rifiuti”, spiega Franco Nardi della Cgil.
    Tutela non solo sul fatto che nessuno perderà il posto di lavoro ma anche sul mantenimento degli attuali livelli di retribuzione. Le parti dovrebbero rivedersi entro il 19 marzo, che tra l’altro è il termine fissato nel nuovo bando per la presentazione delle offerte per partecipare alla gara di affidamento del servizio.
    “Lo sciopero di lunedì 23 rimane per ora confermato”, spiega ancora Nardi. Ma è chiaro che non appena arriverà la convocazione a palazzo Vermexio per il nuovo incontro, i sindacati sono pronti a far rientrare l’agitazione. E in città riprenderebbe a pieno regime la raccolta dei rifiuti e la pulizia.
    Il 19 marzo i lavoratori volevano anche dare vita ad un corteo di protesta dalla sede dell’Igm di viale Ermocrate fino a piazza Duomo. Ipotesi, questa, scongiurata dalle ultime novità.

    728x90_Alfa_Giulietta
    freccia